La cultura nella nostra Regione

Regione Lombardia può e deve mettere più fondi per la cultura.
Facendo ciò, eliminando le voci spesa del centralino antigender e della protezione della lingua lombarda, potremo lavorare in sinergia coi comuni del territorio per attuare una svolta radicale alla promozione culturale e turistica. 

Dovremo gradualmente arrivare alla gratuità dell'ingresso ai musei lombardi per gli studenti e gli under 26, perché la cultura dev'essere accessibile a tutti, dev'essere parte integrante della formazione dei giovani, e dev'essere leva per lo sviluppo del turismo giovane.

Dovremo valorizzare quei musei, quelle fondazioni e quegli spazi espositivi, quei teatri e quegli altri luoghi culturali che svolgono una funzione fondamentale per il quartiere in cui sono situati, aprendosi alla cittadinanza. Dovremo valorizzarli provando a costruire attorno ad essi poli attrattivi per i giovani e non solo.

Dovremo sostenere quei luoghi di cultura che faticano a resistere magari perché in periferia, magari perché necessitano costosi investimenti di manutenzione, perché non possiamo permetterci la chiusura di nemmeno un teatro o un cinema.

Dovremo finanziare residenze d'artista sul territorio regionale invitando giovani artisti a lavorare sui temi del nostro tempo, consapevoli che il loro aiuto sarà prezioso per la costruzione di un futuro migliore. Magari alcune vicino a quelle montagne lombarde che ora sono a rischio di spopolamento, con tutti i danni che questo provoca.

Dovremo mettere a disposizione alcuni spazi come studi d'artista, perché non succeda più che questi si vedano costretti ad emigrare all'estero perché l'Italia non riconosce la creatività come mestiere e non supporta lo sviluppo di un'attività di vitale importanza per tutti noi.

Lombardia Progressista
Sinistra per Gori
Via Giovanni da Palestrina 33
20124 - Milano