Diritti in Lombardia

Diritti fanno bene a tutti, garantiscono libertà ad ognuno e guardano dritti nella direzione della felicità, che dovrebbe sempre essere la stella guida della politica.

Per questo Regione Lombardia deve diventare la casa di tutti, patrocinando tutti i Pride che si terranno nel territorio regionale, vedendo anche la partecipazione dei rappresentanti istituzionali, perché il Pride è la festa di tutti.

Al posto dei convegni sulla famiglia tradizionale, Regione Lombardia dovrà ospitare convegni sul diversity management ed essere parte attiva nella formazione del personale e nell’adozione di politiche in favore delle persone discriminate. 

La Regione dovrà inoltre farsi promotrice di un tavolo permanente a cui tutte le associazioni LGBTQI saranno invitate a partecipare creando percorsi sinergici in modo tale da sviluppare sempre più attività culturali e luoghi d’informazione e sostegno su tutto il territorio lombardo.

Dovremo farci carico una volta per tutte e con grande serietà delle istanze delle persone transessuali e transgender, troppo spesso ignorate nel dibattito politico. Dovremo farlo formando personale in ogni consultorio lombardo e impegnandoci a loro fianco perché non subiscano mai più discriminazione, in particolare in ambito lavorativo.

All’interno dei fondi stanziati per la cultura dovremo inserire alcune voci che servano a finanziare e sostenere iniziative culturali LGBTQI già esistenti quali il Festival MIX e farne nascere altre.

Come Regione Lombardia ci impegneremo a sviluppare e rendere gratuita la profilassi pre-esposizione: fondamentale strumento per ridurre il numero di infezioni di malattie sessualmente trasmissibili.

Sosterremo campagne di sensibilizzazione e prevenzione anche e soprattutto a partire dalle scuole.

Lombardia Progressista
Sinistra per Gori
Via Giovanni da Palestrina 33
20124 - Milano